Abbiamo raccolto alcune precauzioni di base che possono essere utili a chi è alle  prime armi nel Surf ...

Hai preso qualche onda...bene !!! Adesso non vedi l'ora di tornare in acqua, ma sei un principiante e questi piccoli consigli possono aiutarti ad evitare problemi e situazioni spiacevoli con il in Surf, oltre a non disturbare gli altri surfisti.

1. Non entrare mai in acqua da solo.
Molte persone cercano di iniziare a surfare da soli. Questo è possibile, ma è lontano dall'ideale. Il surf è uno sport impegnativo, realizzato in un ambiente in continua evoluzione dove regna l'imprevedibilità. Quindi inizia la pratica sempre accompagnato da un amico più esperto che ti dà i giusti consigli su dove entrare e uscire, dove prendere le onde per non dar fastidio agli altri surfisti (con più esperienza). In definitiva, l'evoluzione del surf dipende sempre da te, ma hai un backup che fornirà supporto o chiamerà qualcuno se succede qualcosa. E infine se trovi uno spot con belle onde ma deserto..ricordati che cìè sempre un perchè...ad esempio potrebbere esserci delle forti correnti, e quindi anche i surfisti più esperti evitano di entrarci.

2. Parla con la gente del posto.
Questa potrebbe anche essere la prima cosa da fare quando arrivi in ​​spiaggia. Che si tratti dei bagnini o dei surfisti più esperti, cerca informazioni su come è il mare e le onde. Dov'è il posto migliore per qualcuno con poca esperienza? I "locali" di ogni spiaggia sono molto ben informati sul loro posto, conoscono le correnti che predominano, dove si trovano le pietre, il luogo ideale per entrare e uscire, ecc. La conoscenza non ha mai fatto del male a nessuno. E l'umiltà in questi casi è molto importante

3. Stai calmo.
Fare un tuffo nelle onde del mare non è lo stesso del surf. Il surf è più impegnativo e talvolta richiede esperienza, o in caso contrario il surfista rimane calmo. Questo non è facile da perché ogni volta che il surfista cade  viene trascinato dalla forza dell'onda, rimanendo sommerso per alcuni secondi, la tendenza diventa sempre più tesa e ansiosa. Tuttavia, l'ideale in questa situazione è di rilassare il corpo e lasciare che il vortice dell'onda passi. Combattere contro la forza del mare non è sicuramente l'opzione migliore: si consuma più ossigeno del normale e richiede molta energia. Quando l'onda passa, prova a tornare in superficie. Tra la caduta e il ritorno in superficie a volte non passano più di 3 secondi, ma è l'atto di essere sommersi e l'inesperienza, fanno perdere la calma al principiante.

4. Coscienza in acqua.
Questo ha a che fare con il buon senso. È un po 'come guidare - non siamo gli unici sulla strada, dobbiamo stare attenti e rispettare una serie di regole predefinite. E queste regole bisogna rispettarle, impedendo alla tavola di andare alla deriva (e causare un incidente) in un'eventuale caduta o semplicemente passando la risacca, oppure mentre risali ricordarsi di passare all'esterno. Avere sempre la tavola vicina è sempre un buon supporto per il praticante. Particolare attenzione anche alle regole di buona convivenza nel Surf, perché sono quelle che fomentano l'armonia nell'acqua. Anche se sei un principiante devi sapere come funzionano le cose: la priorità dell'onda è sempre di coloro che sono più vicini al picco; Non entrare mai nell'onda di qualcun altro (drop in); Per non disturbare chi viene a surfare, rema sempre verso il lato opposto dove scorre l'onda; Nell'esterno / in fila, c'è un ordine da rispettare in una coda che può essere considerata immaginaria e dove è prevista, appunto, al momento di coglierne l'onda.

5. Rispetta i limiti.
Nel mare l'essere umano è in transito. Si limita a godere di questa immensa forza della natura. È sempre il mare che comanda! Per questo motivo, se non conosciamo la spiaggia di fronte a noi, allora forse è meglio non rischiare. Il tipo d'onda e le dimensioni del mare sono qualcosa che impariamo a leggere nel tempo, e con ciò conosciamo i nostri limiti. E conoscere i nostri limiti, sapere quello che sono, e rispettarli, è metà strada per essere un surfista di successo. Onestà e umiltà sopra ogni altra cosa. Un principiante, ad esempio, dovrebbe cercare onde morbide e facili, schiume di un metro (non di più) nelle loro prime sessioni. A poco a poco, l'evoluzione accade!

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive