L'azienda sudcoreana è accusata di pubblicità ingannevole ...

09-07-2019 - Vi ricordate  quando Samsung sponsorizzò le competizioni WSL? Dal passaggio del nome da ASP a WSL (nel 2014), sono entrati in gioco nuovi sponsor tra cui Tag Heur, Jeep e Samsung. Tuttavia, la collaborazione tra la società sudcoreana e la WSL si è interrotta nel 2017.

Da allora Samsung non ha vissuto i suoi migliori anni di attività: telefoni che esplodono o corruzioni finanziarie aziendali con l'ex presidente della Corea del Sud ... Il business non è stato davvero favorevole all'impresa.
È ora possibile aggiungere ancora un altro scandalo all'elenco. La Commissione australiana per la concorrenza e il consumo (ACCC) ha citato in giudizio la multinazionale per pubblicità ingannevole su smartphone presentati come resistenti all'acqua. Samsung aveva evidenziato il vantaggio di essere collegato dalla piscina alle sessioni di surf.
Infatti, dal 2016, Samsung ha trasmesso spot subacquei che predicavano la resistenza all'acqua degli smartphone del marchio grazie a una resistenza IP68. Tuttavia, secondo l'ACCC, "Samsung non ha testato a sufficienza gli effetti dell'esposizione all'acqua salata o al cloro sui telefoni, mentre i loro annunci mostrano esplicitamente telefoni completamente sommersi che funzionano".

Se l'ACCC continua oggi l'azienda, la rivista Consumers Reports si era già lamentata con Samsung nel 2016. La rivista affermava di aver testato l'immersione di un Samsung Galaxy S7. Sfortunatamente, il test è fallito. Samsung ha quindi risposto che questo errore era dovuto a un errore di produzione che avrebbe interessato solo alcuni telefoni.

Mentre i reclami hanno continuato a filtrare su Internet per la mancanza di impermeabilità dei telefoni, Samsung ha rifiutato di utilizzare le garanzie dei consumatori quando hanno immerso i loro telefoni. ACCC accusa Samsung di presentare il telefono in situazioni che non sono fattibili, il che avrebbe avuto l'effetto di fornire un reale vantaggio competitivo nel mercato della tecnologia.

In realtà, Samsung sta violando la legge australiana sui consumatori che afferma che nessuna società dovrebbe ingannare i suoi consumatori valutando le capacità dei suoi prodotti. Secondo la legge aziendale australiana, questa falsa pubblicità, che gli ha consentito di realizzare profitti nell'arco di due anni, potrebbe costare all'azienda più di $ 7 milioni.



 


Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand