Esce a gennaio con distribuzione Audioglobe Family Tree il nuovo disco del rocker surfista portoghese Frankie Chavez.

 

09-01-2014 - Frankie Chavez è uno dei talenti più promettenti della nuova scena musicale portoghese, indicato da molti come la rivelazione del nuovo rock europeo. Surfista, è legato con la sua musica al mondo di uno degli sport più affascinanti del mondo

Oltre che suonare gli strumenti tipici del Blues come la Lap Steel, uno dei tratti distintivi di Frankie è il suo approccio rivoluzionario alla chitarra portoghese. Grazie ad innovative accordature riesce ad unire le tradizionali melodie malinconiche portoghesi con riff tipicamente blues creando così un suono mai sentito prima, il tutto è filtrato con l’attitudine tipica del Rock rendendo il suo stile unico oltre che immediatamente riconoscibile.

Il risultato è piacevolmente sorprendente. Musicalmente è cresciuto nel “mondo”, tra lunghi viaggi, Australia in primis, terra dalla quale ha assorbito lo stile così solare ma al tempo stesso energico tipico di tanti artisti provenienti dall’isola dei surfisti.

E della sua terra natia si porta dietro il sole, il vento e il mare sempre presenti nelle sue canzoni, mai scontate, mai uguali, energiche, riflessive e solari. E non è certamente un caso che la sua carriera musicale si intreccia più volte con il mondo del surf.

Nel 2006 un suo brano “Slight Delay”, viene incluso in “Flavours”, un documentario sulla cultura e lo stile di vita del surf in Indonesia, nel 2009 compone e produce la colonna sonora originale per il film documentario “Pare, Escute, Olhe” (“Fermarsi, ascoltare, guardare”) del regista portoghese Jorge Pelicano e nel 2011 compone un'altra colonna sonora per il documentario, co-prodotto, “The North Canyon Show”, sulla figura del leggendario surfista hawaiano Garrett McNamara.

 www.frankiechavez.com
 Promozione: Carta da Musica
 Booking: MusicaStrada

Fonte: musicalnews.com


Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand