Image Tra tutti Surf Film usciti nell ultimo anno Sipping Jet Stream e' quello che ha riscosso il maggior successo, cosi noi di Surftotal abbiamo pensato di chiedere a Emi Cataldi di raccontarci un po come e' andata...

 

.

.

.

.

Retroscena: Innanzitutto è importante specificare che Sipping Jetstreams è un film e non un video, ossia è stato girato in pellicola 16mm con due macchine da presa Bolex, anziché con la consueta attrezzatura video, per privilegiare la qualità delle riprese. La pellicola è una tecnologia che può sembrare superata, costosa ed complicata da gestire rispetto al video digitale, ma nonostante ciò consente di ottenere delle immagini molto più vive e quindi ideali per un progetto di taglio più documentaristico come Sipping Jetsreams.

 Image

Dustin Humphrey e Taylor Steele

Ovviamente lavorare in pellicola significa pianificare meticolosamente ogni ripresa, anche quelle di surf, perché bisogna caricare la pellicola in macchina ogni volta, scegliere il tipo di focale, impostare i parametri di ripresa a seconda della luce, montare le macchine sui cavalletti, i filtri, i paraluce...con la videocamera basta premere un pulsante per iniziare a girare. Ovviamente questo comporta il fatto di dover viaggiare sempre con una mole di materiale non indifferente, che occupa molto spazio, pesa molto, e richiede delle cautele particolari durante il trasporto. Viaggiare per Sipping è stato un po come essere in giro con una piccola troupe cinematografica di cui Taylor Steele è regista e produttore (insieme a Dustin Humphrey) e gli attori sono alcuni fra i surfisti più bravi e famosi della scena professionistica internazionale.

 Image

Kelly a Barbados

Poi c è tutto il processo di post produzione, che è quello più complicato e costoso: le pellicole vanno rimosse dalle macchine da presa con estrema cura, sigillate e spedite ad un laboratorio di Hollywood in California dove un intero team si occupa dello sviluppo e della stampa, e successivamente un altra squadra si occupa dell acquisizione digitale delle immagini prima di passare alla fase dell editing vero e proprio.

Come è nato il progetto: Ho incontrato Taylor per la prima volta a Bali nell estate del 2005 tramite Dustin Humphrey, che conoscevo già da tempo e con il quale avevo collaborato ad un paio di progetti in Italia, fra i quali un trip per TransworldSurf ed il Drive Thru Europe. All inizio del 2005 Taylor aveva iniziato le riprese di Sipping Jetstreams in Marocco, e durante quel trip ha conosciuto Dustin che era lì per documentare lo stesso viaggio per Transworld. Da lì è nata l idea di articolare il progetto in un film ed un libro fotografico, e fra le location scelte c erano per l appunto l italia e l Egitto. L intero progetto ha come tema conduttore il visitare luoghi conosciuti a tutti ma che nell immaginario collettivo non sono mai stati associati al surf, ed in quest ottica l Italia e l Egitto si sposano perfettamente con la filosofia ispiratrice di Sipping: Roma, Venezia e le Piramidi sono immagini note in tutte il mondo ma nessuno, a parte noi italiani e pochissimi addetti ai lavori, avrebbe mai immaginato che si potesse anche fare surf dopo aver visitato Piazza San Marco, il Colosseo o la Sfinge.

 Image

Marocco

E lo stesso discorso vale per altri luoghi simbolo come il Souk di Marrakesh in Marocco, la Grande Muraglia Cinese e per paesi come Cuba o il Giappone. Il mai visto doveva essere il tema conduttore di Sipping, e così anche luoghi molto conosciuti ai surfisti come Bali e Barbados sono stati ripresi da punti di vista totalmente innovativi rispetto a come siamo abituati a vederli: le destre di Bali, anziché le più note sinistre, riprese dall elicottero o il lato più terrificante del surf caraibico con l onda di Soup Bowl a Barbados mostrata in tutta la sua brutalità durante una delle più grosse mareggiate degli ultimi anni.

 Image

Giappone

Ovviamente scegliere location poco conosciute e meno consistenti in termini di onde comporta una spesa maggiore in termini di tempo, denaro ed energie, ma alla fine il risultato che ne scaturisce è sicuramente più interessante del solito progetto visto e rivisto. E anche da un punto di vista personale, Dustin e Taylor erano pronti a confrontarsi con qualcosa di completamente diverso rispetto a quello che avevano fatto fino ad allora. A Bali abbiamo iniziato a pianificare la sezione mediterranea di Sipping ed il lavoro è proseguito fino a che non sono arrivati a Roma ed il progetto è entrato finalmente nel vivo.

Bova: L unico rider ad aver surfato Bova durante le riprese di Sipping Jetstreams è stato Tim Curran, e ne è rimasto decisamente impressionato! Appena arrivato si aspettava di trascorrere alcuni giorni da turista a  Roma in compagnia di sua moglie Shanoah, di certo non di passare tredici ore su un furgone e raggiungere in piena notte un paesino sconosciuto nel cuore della Locride. Ma si sa, da noi certe occasioni vanno prese al volo. Quando la mattina dopo siamo arrivati in spiaggia e si è trovato di fronte a delle onde del tutto simili al suo homespot di Oxnard in California ha dimenticato tutte le fatiche del viaggio e si è messo subito al lavoro.

Image

Tim Curren a Bova 

L accoglienza dei locali poi è stata davvero calorosa, i ragazzi di Bova hanno fatto di tutto per farlo sentire a casa rendendo memorabile la sua permanenza in Calabria. Le onde hanno fatto il resto, col passare dei giorni Bova non ha fatto altro che mostrare il suo lato migliore regalandoci session indimenticabili. Timmy ha potuto esibirsi in tutto il suo repertorio, prima di rompere la seconda tavola ha anche provato e quasi rientrato un paio di backflips e quelle sono manovre che puoi provare solo se le onde sono ripide, veloci e regolari.  

Image

La "crew" a Bova, in fondo a destra "IL Lungo Merli che ha dato una grossa mano durante la lavorazione di Sipping.

Ovviamente non si aspettava niente di tutto questo, era partito con l idea di dover surfare al massimo dei beach breaks ventosi e farli sembrare decenti, invece non ha dovuto far altro che surfare e divertirsi su delle belle onde non solo per il nostro standard ma anche per il suo...e lui è uno abituato bene dopo dieci anno di world tour e photo trips in giro per il mondo! 


 


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand