Rispetto agli anni precedenti sono aumentati i furti nelle auto dei surfisti in Francia

29-08-2016 - Questa estate, grazie anche a Facebook e forum, i messaggi e gli argomenti si moltiplicano "sono andato a surfare a La Rochelle, e mi hanno rubato la tavola...portafoglio..., come anche a Lacanau, Hendaye, ecc..."

Ognuno sui furti ai surfisti ha la sua teoria. Ma anche i "local" francesi vogliono dire la loro, precisando che si trattano di alcune "bande" provenienti dall'estero.

Ma ci sono davvero più furti quest'anno?
O sono semplicemente resi più visibili attraverso i social network, che amplificano il fenomeno ?

Diciamolo subito, non ci sono dati per poterlo affermare. Da un lato la polizia locale non vuole comunicare le statistiche sui furti, anche se tutti sono d'accordo che i surfisti sono regolarmente vittime di questi crimini.

Per avere un'idea delle dimensioni del fenomeno, i ragazzi di Surfsession, hanno chiamato un paio di surf-shop, che hanno il polso della situazione.

A Seignosse, il negozio di Agréou è in prima linea. E conferma l'aumento dei furti di quest'anno. Secondo le loro informazioni, la polizia ritiene che c'è una band di surfisti che stanno a vedere dove si nascondono le chiavi, ma non hanno ancora arrestato nessuno.

A TAO, la scuola di surf di Capbreton, c'è stato anche un aumento dei furti, ma soprattutto in case e appartamenti. Ancora una volta questa settimana vacanzieri hanno visto tutti le loro attrezzature da surf e le biciclette scomparire dal balcone del loro appartamento.

Dall'altra parte del fiume Adour, Anglet a Waimea, si parla di furto più opportunista sulla spiaggia o sui balconi nella RDC.

William, giù da La Rochelle, era li per completare un servizio fotografico ai primi di agosto, ha colto l'occasione per fissare una sessione alla Madrague. Al suo ritorno il suo furgone "Vito" era con finestra rotta e attrezzi e carte sparite.

Ma la polizia?
Per William, il passaggio alla polizia non aiuta: a Anglet, e Biarritz si sono rifiutati di prendere la sua denuncia. Eppure due autisti di camion gli hanno confermato che si può presentare denuncia in qualsiasi stazione di polizia in Francia entro 48 ore dal furto.

Infine alcuni furti sono stati chiariti.
C'è stato questo cleptomane di 75 anni condannato a 2 mesi di reclusione per essere stato sorpreso mentre frugava in una vettura di un surfista che aveva lasciato le chiavi sulla sua ruota durante una sessione a Anglet, ma risale al 2011.
Più recenti, ma non molto più giovane, due persone a Hendaye di 54 e 68 anni sono stati condannati a  cinque mesi per aver rubato telefonini in un auto all'inizio di quest'anno. Ma è soprattutto il modo in cui sono stati arrestati che è interessante. Southwest ha detto che la coppia a cui hanno rubato, è  tornata sulla scena del crimine due settimane più tardi, lasciando di nuovo le chiavi su una ruota, ma solo dopo l'installazione di una macchina fotografica che è stato utilizzato per identificare i ladri.

TIPS
Il colpo della fotocamera è intelligente, ma non cercare di fermare il ladro da soli. Nel 2009, un surfista in a San Sebastian ha preso una pugnalata da un ladro sorpreso a rovistare nella sue cose.

Per non farti rubare mentre surfate, meglio mettere le chiavi intorno al collo ( si fa fare un duplicato snza l'elettronica) oppure si possono utilizzare gli appositi luchetti da mettere sul gancio traino.

Ricordarsi di chiedere al vostro assicuratore come ci si dovrebbe essere coperti dal furto. Anzi, per essere assicurato contro il furto del contenuto del veicolo, è necessario aver sottoscritto una garanzia contro il furto di oggetti personali e prestare attenzione alle condizioni, franchigie e altre esclusioni.

Le vacanze sono spesso sinonimo di spensieratezza, ma non aspettare che sia troppo tardi!


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand