Salpa

07-05-2013 - In Adriatico si è verificata un'esplosione di questi animali simili a meduse.

Nelle coste adriatiche del Salento c'è una sorpresa: un'insolita e inaspettata esplosione di salpe, della specie Salpa maxima.

Le salpe sono animali planctonici costituiti da un corpo cilindrico gelatinoso e trasparente.

da Wikipedia:
Animali dalla struttura trasparente e gelatinosa, dotati di fasce muscolari primitive (emimiali). Si tratta di organismi planctonici e filtratori. Nel corso della loro evoluzione hanno perso la corda e sviluppato un apparato digerente di forma tubulare.
 
Le salpe hanno un complesso ciclo vitale, con un'alternanza obbligata di generazioni. Entrambe le porzioni del ciclo vitale esistono contemporaneamente in mare. La fase di vita solitaria, conosciuta come oozoide, è un animale singolo che si riproduce asessualmente creando una catena di centinaia di individui. La catena costituisce la fase aggregata del ciclo vitale, conosciuta come blastozoide. Gli individui della catena rimangono attaccati tra loro, e ciascuno cresce e si riproduce sessualmente (i blastozoidi sono ermafroditi sequenziali). Gli oozoidi risultanti sono poi rilasciati per ricominciare il ciclo. L'alternanza di generazioni permette un tempo inter-generazione breve. Quando il fitoplancton è abbondante, questo porta a dei rapidi incrementi del numero di salpe (bloom) che terminano quando non c'è più abbastanza nutrimento.

Image

Questo ciclo è velocissimo e, se le condizioni sono favorevoli, avviene anche in soli due giorni, ma generalmente lontano dalle coste per cui, anche se questi animali sono diffusi in tutto il mondo e un elemento comune del plancton, sfuggono all'attenzione dei più.

Il loro incremento nell'Adriatico, corrisponde di solito a una fioritura algale.

Image

Nome comune: Salpa
Genere: Salpa
Specie: Salpa maxima
Categoria: Tunicati
Commento: Corpo cilindrico, allungato, in cui si individuano due prolungamenti, uno anteriore: il sifone orale ed uno posteriore: il sifone anale. La tunica e' spessa e trasparente, di consistenza gelatinosa. Si possono rinvenire individui solitari o uno stolone di giovani individui attaccati tra loro e originati per gemmazione dal genitore. Trasparenti e ben visibili i nuclei rossi a forma di ciliegia.Le catene sono lunghe dai 25 cm. ai 40 cm. Specie pelagica, comune in superfice, in particolare da Ottobre ad Aprile e si nutre di plancton

{bookm} 


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand