ImageON-LINE 18 MINUTI DI VIDEO  !!!

Mettetevi comodi.....

Locals Only, protagonista un vero talento del surf: Leonardo Fioravanti.

Leo Fioravanti rock star su Rolling Stone!

Come una rockstar: il giovanissimo surfer del team Quiksilver Leonardo Fioravanti, 13 anni appena, è il protagonista del documentario Locals Only, realizzato dal leggendario magazine Rolling Stone.
Leo non è un mago dei riff, ma le sue manovre sulle onde sono come una pentatonica a 208 bpm! Ecco perché Rolling Stone ha deciso di seguire il nostro campione a Hossegor, sulla Costa Basca, in concomitanza con il Quiksilver Pro France, uno degli eventi più importanti del circuito professionistico di surf.
Il video è il racconto di due giorni nella vita di un tredicenne fuori dal comune, scoprendo la sua passione per le onde, nata quando aveva solo sei anni e accompagnandolo in un momento importante della sua carriera: la partecipazione alla World Final del Quiksilver King of The Groms, la massima competizione dedicata ai giovani talenti del surf under 16.
Dopo aver vinto il Titolo Europeo nel 2010, Leonardo è stato quest’anno il primo italiano nella storia ad essere invitato come wildcard alla Finale Mondiale (Hossegor, 4-13 ottobre). Nonostante fosse il più giovane atleta in gara è riuscito a giungere fino ai Quarti.
Gli amici e i compagni del team Quiksilver descrivono Leo come una “macchina da gara”, un talento che in acqua sa surfare come un vero campione, con uno stile fluido e preciso che ricorda atleti del calibro di Kelly Slater, l’undici volte Campione Mondiale e leggenda vivente di questo sport.
Ma Leonardo è anche e soprattutto un ragazzo che vuole divertirsi coltivando la sua passione, sostenuto dalla sua famiglia che lo segue nei suoi spostamenti e dai suoi sponsor, tra i quali Quiksilver che l’ha voluto nel suo team fin dagli esordi e che gli dà la possibilità di allenarsi negli spot più belli del mondo.
 

www.rollingstonemagazine.it 

{bookm}

Per vedere Leo in azione sulle onde:

 


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand