Imageaprile 2007

Bayer e Nanoledge hanno presentato al JEC due applicazioni sportive: tavola da surf e sci. Durante la Fiera dei compositi tenutasi nei giorni scorsi a Parigi, Bayer MaterialScience e Nanoledge, società specializzata nella messa a punto di materiali avanzati, hanno presentato due applicazioni delle nanotecnologie che esulano dalle tradizionali applicazioni elettroniche o industriali per concentrasi sul mondo dello sport e del tempo libero.

La tavola da surf e il paio di sci esposti al JEC sfruttano la tecnologia NanoIn sviluppata da Nanoledge: una matrice di resina epossidica "caricata" con i nanotubi al carbonio Baytubes di Bayer. Il composito risultante offrirebbe - a detta delle due società - un netto miglioramento delle proprietà meccaniche e termiche, consentendo di realizzare attrezzi sportivi più leggeri, resistenti e più duraturi.

ImageRispetto all'acciaio i nanotubi al carbonio presentano solo un quarto della massa, pur essendo cinque volte più resistenti al carico meccanico. La loro conducibilità elettrica, inoltre, è equivalente a quella del rame. Se aggiunti ad una matrice epossidica, il materiale composito è del 50% più consistente e tra il 50% e il 100% più resistente.
 
Combinando le due tecnologie è possibile produrre tavole da surf con una buona risposta alla flessione, più leggere e resistenti di quelle tradizionali in legno o delle più moderne realizzate con sistemi a base di poliuretano e poliestere.
L'esemplare esposto in Fiera è stato sviluppato da Nanoledge e dal produttore di tavole californiano Entropy Research Labs (ERL), che ha testato l'attrezzatura sulle spiagge di San Francisco. "Nessuna tavola è indistruttibile, ma si possono costruirne di più durature", ha commentato un tecnico della società. Nel caso degli sci,lo sviluppo è stato seguito da Nanoledge e dalla società francese Axunn. 

Image

Image

Image

Link: http://www.erlabs.com/products
Link: http://www.polimerica.it/

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive