Image18-05-2008
Jan De Bont ("Speed") dirige il sequel. Ci sarà Keanu Reeves? Dopo mesi passati in naftalina, il sequel di "Point Break" (Kathryn Bigelow, 1991) trova lo slancio di cui aveva bisogno e torna a essere d'attualità. Secondo quanto scritto dall'Hollywood Reporter, infatti, il progetto è stato ufficialmente affidato al regista Jan De Bont...

È un nome interessante: nonostante ultimamente sia un po' appannato, l'olandese Jan De Bont ha dimostrato di essere un ottimo regista di action-movie: basta ricordare "Speed" (1994) e "Twister" (1996).

Il titolo del sequel è "Point Break: Indo" e sarà ambientato in Asia, circa 20 anni dopo le vicende che coinvolsero Keanu Reeves e Patrick Swayze nella pellicola originale. A parte questi dettagli, la trama resta un mistero, così come l'eventuale ritorno della coppia Reeves/Swayze.
L'unica cosa che sappiamo è che lo sceneggiatore Peter Iliff (autore anche del primo "Point Break") pare voglia raccontare di un surfista diventato SEAL alle prese con criminali che indossano maschere riferite all'amministrazione Bush.

Ultimi dettagli: i produttori di RGM Entertainment vorrebbero girare "Point Break: Indo" a Singapore e Bali, facendolo uscire nelle sale durante il 2009.

Nuovo capitolo senza Reeves e Swayze - Secondo alcune indiscrezioni riportate da Variety, nel secondo capitolo non sarà Keanu Reeves a dare il volto all'agente speciale dell'FBI Johnny Utah. Al divo sarebbe stato proposto un ruolo cameo, ma l'invito sarebbe stata gentilmente declinato dalla star. Dubbi anche sulla presenza di Patrick Swayze. L'attore avrebbe daro la disponibilità per vestire nuovamente i panni di Bodhi, ma tutto dipende dalle sue condizioni di salute. L'attore infatti sta conducendo una dura battaglia contro il cancro.


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand