07-03-2019 - Il recente ingresso di Sporting Clube de Portugal e Estoril Praia nel Surf ha generato una certa quantità di polemiche all'interno della comunità.

Il surf si è affermato in modo solido nella società portoghese come attività / stile di vita e sport. Da circa 10.000 praticanti negli anni '90 a quasi 700.000 oggi, il surf è diventato una nicchia di interesse per alcuni dei principali attori economici.

L'ingresso dei club di calcio nel Surf in Portogallo non è una novità. Dopo il teso tentativo di S.L.Benfica circa un decennio fa, ora, quando Surf è sulla strada per le Olimpiadi del 2020 (Tokyo), lo Sporting e Estoril Praia entrano in un atteggiamento diverso. Entrambe le squadre sono iscritte alla Federazione portoghese di surf e hanno già due acquisti nel National Surf, Teresa Bonvalot rappresenta attualmente Sporting Clube de Portugal e Miguel Blanco Estoril Praia.

Ci sono diverse domande che sorgono qui, ovvero qual è il reale interesse di questi giocatori nel Surf? Vengono solo per cercare il protagonismo in una modalità che ora ha numeri interessanti? Insegnare il surf come un business aggiunge valore a questi nuovi giocatori? Organizzeranno eventi di surf megalomani? o il loro aspetto sarà veloce come la loro scomparsa quando capiranno che lo stile di vita del surf è difficile da abbinare al calcio?

È un dato di fatto, in questa nuova realtà, che questi club assumono surfisti esperti del surf nazionale che li aiuteranno a costruire il loro ingresso più forte e diretto possibile nel Surf World.

Miguel Gomes della Costa da Caparica Surfing Association alla domanda su questa situazione risponde:
"Nessuno di questi club ha lo spirito da spiaggia, non dovrebbero sapere quali sono le correnti e / o gli agueiros molto meno di ciò che è la cultura Surf.
Da nord a sud, il lavoro svolto fino ad ora è stato svolto da persone della spiaggia, che sono cresciute sulla spiaggia, respirano le onde e Surf ... sono stati anni e anni di duro lavoro, con molti ostacoli, con così tante persone che combattono e vinci trasformando un'immagine di "Surf of the ribelli e tossicodipendenti" (che non potrebbe nemmeno essere su un autobus) per quello che Surf è oggi e domani. Sì, perché nel 2020 ci sono le Olimpiadi con il surf ... è una coincidenza?
 
Pensiamo che sfortunatamente, con l'ingresso di questi club, ci saranno molte persone abbagliate che penseranno che sia normale per loro essere coinvolti ... potrebbe anche essere bello ... ecc ... Abbiamo una visione più purista, quello che è il surf è il surf , il calcio è il calcio ... punto. Se guardiamo ai grandi poteri del surf come l'Australia, non vediamo squadre di calcio con atleti surfisti. O in Brasile, che, in effetti, quando il calcio si mescolava con Surf, i club in rovina che lavoravano sulla spiaggia e avevano un periodo nero con quasi nessuna prova. Ciò che vediamo nei paesi che identifichiamo come riferimento per la cultura del surf (Australia, USA / Hawaii, Brasile, ...) sono club di surf in cui tutte le leggende del surf passano la loro esperienza ai giovani e vivono il Fai surf come se avessero 15 anni. Questa è la cultura del surf.
 
Il Surf ha e avrà sempre una community e uno "stile di vita" con il vero spirito del surf e questo deve essere sempre presente, che dobbiamo cercare di difendere e preservare. Ma il mondo dello sport è un mondo di club, marchi e industria (perché lo alimentiamo noi stessi), aprendo così la strada a queste situazioni.


Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand