Marame Kake
Marama Kake surfista di 32 anni neozelandese ha deciso di fare surf nuda nelle acque australiane. Perché? Per attirare l’attenzione non sulle sue fattezze o sulla curiosa esibizione ma sulla necessità di fare scelte sostenibili per proteggere il Pianeta e i suoi oceani. Infatti sulla sua tavola da surf ha segnato diversi messaggi del tipo: non lasciate rifiuti sulla spiaggia o un altro che rappresenta l’essenza delle sue gesta: get naked, get sustainable, spogliatevi, siate sostenibili. Spiega che oramai sono anni che fa surf nuda in Australia e Nuova Zelanda e che ha l’accortezza di coprirsi se vede che sulla spiaggia ci sono bambini. Gli altri surfisti dopo una prima reazione di sopresa in genere la lasciano fare. Ma l’ultima volta la polizia non è stata così comprensiva e l’ha accusata di oltraggio.

La surfista è coerente con il suo messaggio: la sua tavola è un’alaia in legno riciclato e tutti i pezzi del suo equipaggiamento sono naturali al 100%. Ha detto Marame Kake:

Non faccio surf nuda per esibizionismo, amo la sensazione e la semplicità di fare surf in una combinazione ecologica. E’ anche un modo per allentare le tensioni.

E veniamo al lancio del suo Progetto 13
ossia come spiega:

Una rete globale di volontari. Parte del progetto sarà riservata all’ideazione di abbigliamento sostenibile, compresi surfwear e mute.

Insomma, ora diventa un po’ più chiaro il senso di tanto clamore: fare del business.




{bookm}


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand