Colpito alla testa rischia di annegare. Salvataggio all'ultimo respiro


21-05-2014 CAPE TOWN Sud Africa- E' successo pochi giorni fa. Un salvataggio tra le difficoltà della forza del mare.
 
Un gruppo di surfisti, molti di loro con il body board. Tra questi un ragazzo viene sbalzato da un'onda potente, il colpo di frusta e la botta gli provocano una commozione cerebrale.


Ma è ancora lì in acqua, a combattere. Due suoi "colleghi", Aden Kleve (bagnino qualificato) e Wilder Schultz, si accorgono di lui e cercano di aiutarlo. È sotto choc, non riesce a ragionare ma i due non si scoraggiano.
 
In qualche modo, a peso morto, se lo caricano sulle spalle e riescono, surfando un'onda, ad avvicinare la riva e portare il ragazzo in salvo. David McMaster era sul posto con la sua macchina fotografica e ha filmato l'incidente.
"Due minuti più tardi e sarebbe finito in tragedia", spiega. "Una volta che il ragazzo era sulla riva lo abbiamo avuto rigenerato con qualche bevanda sportiva energetica e coperto con un asciugamano per riscaldarlo. La vittima si è ripresa - conclude - ed è stato portato in ospedale come misura precauzionale, dove è stato riscontrata la commozione cerebrale e il colpo di frusta".

Filmed and edited by David McMaster
facebook.com/davidmcmasterproductions


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand