Ishita Malaviya, unica professional surfer donna in India, apre il suo primo surf camp e ci racconta che vorrebbe vedere più gente del posto, soprattutto donne, intraprendere questo sport e svela i suoi luoghi preferiti per surfare in tutto il paese.


Quando Ishita Malaviya prese per la prima volta una tavola da surf, poteva contare tutti i surfisti nativi indiani sulle dita. Ora, poichè l'interesse per le spiagge incontaminate del subcontinente comincia ad aumentare, la prima e unica donna surfista professionista spera di poter portare un reale cambiamento anche sociale per il paese.

"Penso che il surf possa diventare una cosa molto positiva per l'India ", dice. "Per le ragazze che iniziano a surfare si sta aprendo ai loro occhi un mondo completamente nuovo. Ci sono così tanti ostacoli per loro, soprattutto una volta che raggiungono la pubertà e la loro interazione con i ragazzi diventa molto limitata e difficile. Ma quando sono in acqua alcune di queste barriere si possono finalmente abbattere".

Malaviya, sponsorizzata dalla Roxy, gestisce il Shaka Surf Club sulla costa occidentale del Karnataka con il suo compagno Tushar Pathiyan. Ha iniziato a surfare nel 2007, dopo un incontro casuale all'università che frequentava con una studente tedesca che aveva una tavola.

Ora Malaviya e Pathiyan danno lezioni ai turisti e, cosa più importante per loro, agli abitanti locali a Manipal. Nel corso del nuovo anno hanno aperto un surf camp, il Camp Namaloha, che sperano possa aiutarli a costruire una bella comunità surfistica, condivisa e apprezzata dagli indiani così come dai turisti.

Mentre lo Shaka Surf Club dà già lezioni di surf e affitta tavole, il campeggio offre un posto per alloggiare con la tenda e un rifugio sulla spiaggia dove i turisti possono divertirsi e rilassarsi  la sera con grigliate e falò.

Pathiyan è pronto a fondare altri Shaka Surf Club in altre zone dell'India, come nel Kerala e nel Tamil Nadu, e i due hanno anche in mente di mettere insieme la prima squadra di surf indiana. Lo scorso dicembre, con l'aiuto di Quicksilver India, la coppia ha girato un breve documentario che racconta la storia del surf in India e presenta molti dei personaggi chiave che hanno contribuito al suo sviluppo.

"Gli indiani sono terrorizzati dal mare ", dice Malaviya, indicando le migliaia di annegamenti che si verificano nel paese ogni anno. "A parte ora tutti i bambini nel  nostro surf-villagge. Prima nessuno di loro sapeva nuotare. Ora invece conoscono il mare e sanno anche come salvare le persone dall'acqua. Questo è il tipo di cambiamento che voglio vedere".

Malaviya dice: "Voglio che la gente abbia un rapporto sano con l'acqua. Una volta che si inizia a trascorrere del tempo in acqua si sviluppa un senso di rispetto per essa e si vuole mantenere la spiaggia pulita".

Certo, cercare di far conoscere il surf a più donne possibile è sempre uno dei suoi obiettivi. Dice: "Semplicemente non posso credere che in un paese di oltre un miliardo di persone sono la prima donna surfer".

Malaviya, che è cresciuta a Mumbai, è stato inserita nel mondo del surf dopo aver visitato il Surf Ashram in Karnataka, fondato dal surfista americano Jack Hebner e gestito da un gruppo di devoti del surf che da allora è noto come il " Surfing Swami " .

"Non potevamo permetterci di rimanere nell'ashram e le lezioni erano troppo costose per noi", dice Malaviya. Allora abbiamo fatto un accordo con loro per portare gruppi di studenti dell'università in cambio di uno sconto di gruppo. E da qui poi è nato il Shaka Surf Club.

La crescente comunità di surfisti in India (la stima di Malaviya è 200-300 persone esclusi i turisti) attira costantemente l' attenzione di professionisti provenienti da tutto il mondo.
Tutti aspettano nei prossimi anni di vedere ancora di più la crescita di questo sport in India.

Costa occidentale di Karnakata, questo è il posto dove Malayvia e Pathiyan hanno istituito il Shaka Surf Club. La spiaggia è un luogo ideale per imparare a surfare, e, se siete fortunati, con i delfini. "Affittiamo tavole e abbiamo fatto un surf camp a Natale ", dice Malayvia. "Abbiamo un campeggio e un lato si affaccia su un fiume e l'altro sul mare. E ' soprattutto un posto per i principianti e le onde sono normalmente 3-4 piedi ma nella stagione pre- monsonica le onde possono raggiungere 10-15 piedi. Nel corso della stagione dei monsoni chiudiamo".

Shaka Surf Club , Manipala , Karnakta , +91 998 674 2710 , theshakasurfclub.wordpress.com

"In questa città di mare c'è un ottimo posto chiamato 'Anima e Surf' che è gestito da una coppia di Brighton, Ed e Sophie ", dice Malayvia . "E ' simile al nostro in termini di surf ma leggermente più grande . " Anima e Surf, che ha aperto nel 2010, è il primo surf e yoga ritiro in Kerala.
• Soul & Surf , Golden Beach , South Cliff , Janardhanapuram , Varkala , +91 974 641 6953 , soulandsurf.com

Il Kovalam Surf Club a Lighthouse Beach è stata fondata nel 2005 per incoraggiare i bambini locali che vivono sotto la soglia di povertà a non abbandonare la scuola. La regola principale per i bambini che volevano partecipare alle lezioni di surf era: " Niente scuola - niente surf " . Il club gestisce anche una scuola di surf, noleggia tavole e vende lezioni ai turisti.

Kovalam Surf Club , Lighthouse Beach , Kerala , +91 984 734 7367 kovalamsurfclub.com

Altri spot sono sulla costa sud-orientale dell'India, vicino a Pondichery. Il Kallialay Surf School - che ha aperto nel 2009 ed è una delle prime scuole di surf nella zona - è un buon posto per ottenere attrezzatura e offre affitti, lezioni e corsi .

Kallialay Surf School, Tandriankuppam, Pondichery , +91 944 299 2874 , surfschoolindia.com

Anche sulla costa orientale, a sud di Chennai, c'è un altro spot presso il villaggio di Mahabalipuram. Il negozio di surf è gestito da un local, Mumu, che è stato cresciuto in una famiglia di pescatori, ma è stato introdotto al surf da degli australiani. Dirige una scuola, oltre ad offrire noleggio di tavole da surf e riparazioni.

• Mumu Surf Shop , Mamallapuram , +91 978 984 4191 , mumusurfer.wix.com







Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand