The Pill Magazine 39 è disponibile nei migliori Outdoor Store, edicole, Amazon e nel nostro Shop Online.

09-06-2020

Edito.

Voglio che questa emergenza porti ad una vera rivoluzione. Dentro e fuori di noi.

Voglio imparare la lezione, senza lasciarmi sfuggire il benché minimo insegnamento. Voglio portarmi dentro queste emozioni, queste riflessioni, questi pensieri e farli sfociare in un cambiamento profondo.

Voglio che ogni persona abbia la possibilità di sperimentare il tempo come lo stiamo vivendo ora. Lento, semplice, dilatato. Senza tutto questo, nessuno al mondo avrebbe potuto scoprirsi davvero, mettere in atto la propria creatività, dimostrare di cosa è capace.

Voglio tornare a vivere dell’essenziale; a fare la spesa nel mio paese, a comprare solo ciò che serve davvero, ad utilizzare l’automobile il meno possibile. Voglio imparare a ritirarmi dal mondo ed ammirarlo senza il nostro disturbo, il nostro rumore, il nostro inquinamento.

Voglio che venga ristabilito il tempo, per adulti e bambini, tra padri e figli, senza spostamenti e costanti impegni quotidiani che ci privano delle nostre energie. Voglio che sia favorito, dove possibile, il lavoro da casa, conservando in questo modo risorse economiche, fisiche ed ecologiche. Voglio che sia considerata preziosa anche una semplice passeggiata nel quartiere; che i baci e gli abbracci siano donati con cura, per il valore che davvero rappresentano. Voglio che gli anziani ritornino ad avere il ruolo che da sempre gli appartiene, come custodi di storie, di memorie e di saggezza. Voglio che regni il rispetto, la solidarietà, la fratellanza.

Ci serviva un’esperienza così forte, per accorgersi di cosa siamo veramente capaci. E di cosa abbiamo veramente bisogno.

È ora che ognuno faccia la propria parte, per ricominciare in modo diverso. Più responsabile. Più consapevole. Più saggio. Più vero.

Non voglio che tutto riprenda come prima.
------------------------------------------------------------------

Cosa troverai all’interno di The Pill 39?

La mia prima volta con The North Face FutureLight
Mettete insieme una location come Chamonix, paradiso per tutti gli appassionati di freeride, ed il lancio della nuova e innovativa tecnologia targata The North Face, ed il risultato non può che essere esplosivo. Si siamo stati invitati a provare in esclusiva e sul campo i prodotti della linea Futurelight.

Vaude: the spirit of mountain sports
Sono passati quarantasei anni da quando l’acronimo di un nome è diventato uno dei brand più significativi del panorama outdoor. Una storia che si lega a quella famigliare del suo fondatore, ma che trova la sua chiave di volta dieci anni fa quando a prendere in mano le redini è la figlia Antje von Dewitz che fin da subito decide di mettere al centro la responsabilità sociale e ambientale.

Alba Optics: Doesn’t make you faster
Giovani, simpatici e super dinamici. Abbiamo conosciuto Luca Gentile e Piergiorgio Catalano, i fondatori del marchio Alba Optics, una realtà italiana, che in un paio di anni è riuscita a farsi conoscere in tutto il mondo. Fieri del loro prodotto totalmente Made in Italy, puntano sulla qualità e l’attenzione per ogni piccolo dettaglio. Creatività e voglia di fare sono alla base di questo loro progetto.

Un cammino verso il nulla
Il cambiamento climatico è una realtà causata dall’attività umana. La nostra vita è stata stravolta da questa verità. L'eesere fotografi ed esploratori è cambiato: da traveller ci siamo radicati sul territorio, ma è un’inezia paragonata agli interessi mossi dall’economia e dalla politica.

5 buone ragione per vedere "non voglio cambiare pianeta” by Lorenzo Jovanotti
Abbiamo visto le sedici puntate di "Non voglio cambiare Pianeta" tutte d’un fiato: sono straordinarie. Lorenzo Jovanotti racconta in un docu-trip, disponibile su RaiPlay, del suo viaggio in bicicletta, in solitaria, tra Cile e Argentina attraverso 4.000 km. È un mix fusion di 5 elementi: viaggio, outdoor & sostenibilità, cultura, musica e felicità.

Valvaraita: My favourite trails
La Val Varaita, dai 400m di altitudine di Costigliole Saluzzo fino ai 2744m del Colle dell’Agnello, si sviluppa da Cuneo verso ovest in modo rettilineo fino alla Francia, dando origine al alcune valli secondarie nel suo percorso. Abbiamo scoperto questa favolosa valle grazie a due giovani runner ed a Nike Trail.

Non cercare certezze, ma avventure
Il cuore che accelera, il suono dei piedi che toccano il pavimento, il respiro si fa più profondo e la mente gradualmente abbandona ogni pensiero e si focalizza solo ed esclusivamente sul presente. Degli attimi di pura essenza, di connessione totale fra la nostra mente e il corpo, questo è il dono che ci offre il running nelle nostre vite stracolme di pensieri, obblighi, lavori, aspettative, stress.

Caucasus: Erbe selvatiche, cani randagi e montagne incontaminate
Lisa Paarvio e Kieran Creevy sono rispettivamente una fotografa professionista e uno chef e istruttore di montagna. Lavorando come un team creativo, hanno viaggiato attraverso ambienti montani in tre continenti; a piedi, su racchette da neve e sci.

Non esiste un pianeta B
Sono poche le persone che non si emozionano in mezzo alla natura, sono tante quelle che si scandalizzano quando vedono la natura morire e purtroppo sono ancora poche quelle che decidono di fare qualcosa di concreto per aiutare l’ambiente.

L'evoluzione di Anna Stöhr. Mai arrendersi
Anna Stöhr nasce il 25 aprile del 1988 a Innsbruck, in Austria. A otto anni le cose si fanno più serie e inizia a partecipare alle competizioni. Nella stagione 2012 ha vinto la sua terza Coppa del Mondo, e nel 2013 arriva anche la quarta. Nel 2017 smette di gareggiare nel circuito di Coppa del Mondo. Ora vuole innalzare i propri limiti sulla roccia vera, esplorando l’arrampicata in ogni sua forma.

The Running Pastor
Pastore di una comunità religiosa e runner appassionato. Non si tratta di due persone distinte e agli antipodi, ma di due aspetti che convivono nello stesso corpo. The Running Pastor ci racconta la corsa in modo insolito, uno strumento per dirimere i propri conflitti personali, ma anche per alleggerirsi di quelli degli altri.

Down the Lhotse Couloir
Se dovessimo trovargli un’etichetta, il 2018 potrebbe essere ricordato come l’anno dello sci in altissima quota grazie a due imprese uniche nel loro genere.

Va’ Sentiero
Dal Friuli-Venezia Giulia alle Marche per scoprire il trekking più lungo del mondo: il racconto dei primi 3.548 km per montagne della spedizione Va’ Sentiero.

Wadden Sea. Paradise Lost
Ci siamo invece goduti tre piacevoli giorni girando in bicicletta da isola a isola, ad un ritmo determinato esclusivamente dall’orario di partenza dei traghetti e dei mezzi di trasporto marino alternativi che ci hanno condotti al successivo posto in paradiso.

Silence can be loud
Chi mastica un po’ di montagna, fotografia e segue The Pill sicuramente si sarà già imbattuto nel nome di Matteo Pavana. Ma Matte ama uscire dai propri schemi e, soprattutto, ama l’avventura nelle sue più diverse forme. Per questo quando ha avuto l’occasione di prendere parte all’ultima spedizione invernale di Simone Moro e Tamara Lunger ha subito colto l’occasione per vivere e raccontare un’avventura.


Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand